giovedì 25 aprile 2013

L'AUTHORITY INDAGA SULL'ARSENICO CONTENUTO NELLE NOSTRE ACQUE


Bisognerà aspettare 180 giorni per vedere se otterremo una riduzione delle bollette a causa dell'emergenza arsenico. Infatti, l’Autorità per l’energia ha avviato un’istruttoria conoscitiva sull’erogazione delle acque con contenuti di arsenico e fluoro non conformi ai limiti previsti dalla legge. L’Autorità intende individuare eventuali misure a favore degli utenti per compensare la distribuzione di acqua non idonea agli usi potabili.
L’Autorità vuole inoltre verificare se i gestori abbiano adottato tutte le misure e gli interventi di loro competenza per garantire un adeguato servizio sostitutivo della fornitura di acqua potabile e per ricondurre le concentrazioni di arsenico e/o fluoro entro i valori previsti dalla normativa. L’istruttoria è stata avviata dopo che all’Autorità sono arrivate diverse istanze da parte di utenti di alcuni Comuni del Lazio coinvolti dalle ordinanze sindacali che hanno limitato l’uso potabile dell’acqua; istanze in cui si chiedevano ai Comuni congrue riduzioni della tariffa relativa ai servizi di acquedotto e all’Autorità di prevedere, per il futuro, automatiche riduzioni nei meccanismi di determinazione della tariffa in caso di emissione di ordinanze di non potabilità.

Le richieste per la riduzione del 50% delle bollette dell'acqua (C.I.P. n.26/75) sono state inoltrate anche a Tuscania. L'iniziativa è stata diffusa attraverso il sito Toscanella e anche noi attivisti del Movimento 5 Stelle ci siamo adoperati a diffonderla nei banchetti di Gennaio consegnando i moduli da compilare. I moduli sono ancora disponibili e chi volesse, anche al banchetto di domenica prossima (28 Aprile) può richiederli.
All'ultimo Consiglio Comunale si è proprio parlato di questa iniziativa. E' trapelato che al momento le richieste superano di poco le 200 e che molto probabilmente non verranno accolte per i cronici problemi delle casse comunali. Tuttavia questa istruttoria dell' AEGG potrebbe portare nuovi risvolti in questa vicenda ingiusta causata da decenni di mala politica.


Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è stato inviato con successo!