lunedì 12 agosto 2013

QUANDO L'UNIONE FA LA FORZA

Positivo l'incontro che si è svolto tra gli agricoltori tuscanesi e chi sta cercando di reintrodurre la coltivazione della canapa.


Si è svolto a Cerveteri sabato 10 Agosto un primo incontro per approfondire e toccare con mano le potenzialità, gli ostacoli ed i benefici effettivi della reintroduzione della coltivazione della Canapa. Alla trasferta in territorio cerite hanno partecipato alcuni attivisti del M5S Tuscania, alcuni agricoltori e appartenenti alle associazioni di categoria.

Abbiamo avuto il piacere di essere ospitati dal referente regionale di Assocanapa Marco Mai che ha risposto gentilmente ad ogni richiesta dei presenti. Moltissimi sono stati gli argomenti trattati riguardanti non solo la coltivazione della Canapa. Si è infatti parlato a lungo del completamento della filiera del grano e della canapa, in stretta correlazione in quanto complementari in fase di rotazione
A Cerveteri è stata creata una cooperativa con l’intento di completare la filiera del grano e poter così effettuare la trasformazione da materia prima a farina. A titolo sperimentale si sono dotati ora di un piccolo  molino  a pietra interamente progettato e realizzato in Italia.
I palmenti (le mole di pietra) sono costituiti dalla pietra lavica dell’Etna, ottimo materiale disponibile in natura. Grazie a questo elemento le farine mantengono egregiamente bassa la temperatura d’esercizio in fase di molitura preservando tutte le caratteristiche organolettiche del prodotto in uscita. Anche  grazie al coinvolgimento  dei vari operatori locali si sta puntando sulla qualità del prodotto locale promuovendo anche culturalmente un marchio che richiama le origini dei luoghi e cercando di produrre ricchezza che rimane sul territorio. Questa è, tra le tante altre, la direzione che auspichiamo per la nostra Tuscania e verso la quale stanno convergendo molte idee inerenti il programma amministrativo.
Per quanto riguarda la coltivazione della canapa sono state recepite dagli agricoltori interessati ulteriori nozioni sulle sue modalità e sui vari utilizzi che se ne possono ricavare. Anche per noi è stata una piacevole scoperta apprendere la notevole domanda di olio e farina alimentare poiché il seme di questa pianta racchiude in sé un insieme di pregi che non trova paragoni negli altri cibi vegetali.


Al termine dell’incontro abbiamo potuto toccare con mano i prodotti alimentari, realizzati dalla cooperativa con le materie prime locali, quali dolci, biscotti, farine di vario tipo, pasta semplice e alla canapa. I partecipanti a questo primo incontro si sono detti disponibili a continuare il rapporto di apprendimento e collaborazione volta all’unione delle forze in un periodo di crisi molto problematico per il comparto agricolo e non solo.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è stato inviato con successo!