mercoledì 17 giugno 2015

PRESENTATA INTERROGAZIONE SULLE CONCESSIONI CIMITERIALI

In data 10/06/2015 il Movimento 5 Stelle ha presentato un’interrogazione rivolta al Sindaco ( potete leggerla qui) su un tema molto delicato: esumazione delle salme per scadenza della concessione cimiteriale.
Questa richiesta di chiarezza - riferiscono i 5 stelle -  ci è stata sollecitata più volte dai cittadini colpiti dal problema ed è inoltre consequenziale anche ad una raccolta firme che ha avuto luogo nel nostro Paese per tutelare il cimitero comunale che, oltre ad essere un luogo sacro, vede custodite le memorie e i ricordi della comunità tuscanese”.
Una sollevazione cittadina volta a contestare la ricezione di  una lettera ove si informava che la concessione cimiteriale di uno o più congiunti, era venuta a naturale scadenza. Con la stessa s’invitavano inoltre, “entro e non oltre 10 giorni i familiari, a rinnovare la medesima per un ulteriore decennio o ventennio e si avvertiva altresì, che, in mancanza della comunicazione di cui trattasi entro i termini assegnati, sarebbe stata considerata come rinunciataria al rinnovo e pertanto il Comune al fine di riacquisirne la disponibilità, avrebbe proceduto ad effettuare, senza indugio, alle operazioni di esumazione  della salma con trasferimento dei resti nell’ossario comune del cimitero, ovvero, nel caso di non completa mineralizzazione, alle operazioni di inumazione della stessa nel campo comune”.
Considerato il tema sensibile - dichiarano ancora i 5 stelle -  non potevamo rimanere indifferenti a tale richiesta d’aiuto di persone che, in tempi di crisi e celermente, hanno dovuto sborsare anche ingenti somme per non vedersi “senza indugio” esumare la salma di un congiunto. A tal riguardo abbiamo perciò chiesto al Sindaco in base a quali elementi sono state avviate le operazioni e le richieste inviate ai cittadini, considerando anche che talune di queste concessioni potrebbero anche essere perenni, ovvero rilasciate antecedentemente al 1975, e così come prevede la legge la richiesta di rinnovo poteva avvenire solo in casi prestabiliti ed eccezionali”.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è stato inviato con successo!