mercoledì 10 giugno 2015

M5S TUSCANIA: SOSTENIAMO LA PETIZIONE POPOLARE PER ABOLIRE L’IMU AGRICOLA


Continua la battaglia del Movimento 5 Stelle nei confronti dell’imu agricola. Gli attivisti tuscanesi sostengono la petizione promossa dal Movimento Riscatto e dal Coordinamento Nazionale NoImu sulle terre, che potete leggere e firmare QUI.

Già a gennaio e febbraio, congiuntamente all’azione permanente del portavoce alla camera Massimiliano Bernini in commissione Agricoltura, il gruppo M5S di Tuscania aveva presentato, tramite il proprio portavoce in consiglio comunale Fabio Rossi, delle mozioni per invitare il Comune ad aderire al ricorso dell’Anci Lazio e, in seguito, a non applicare le relative sanzioni per chi non avesse pagato la tassa entro il 10 febbraio 2015.

Aderendo a questa petizione, a detta degli organizzatori, si conta di far pressione sul Governo, affinché sospenda il pagamento del prossimo 16 giugno, ma soprattutto sul Tar Lazio che il 17 Giugno si pronuncerà per l'annullamento del decreto interministeriale sull'IMU sui Terreni agricoli

Queste le richieste dei firmatari aderenti:

– la sospensione della rata del 16 giugno 2015;
– il ripristino della condizione precedente l’adozione del provvedimento sull’IMU agricola del novembre 2014;
– l’apertura di un percorso di confronto per adottare un provvedimento non punitivo delle comunità, delle Amministrazioni Comunali, dei cittadini e delle aziende agricole;
– il ristoro attraverso forme di compensazione delle somme già pagate e sottratte ai comuni.

Ci auguriamo - dichiarano gli attivisti M5S - che questa ennesima iniziativa, nata dalla cittadinanza attiva del Movimento Riscatto e del Coordinamento Nazionale NoImu, spinga quanti più tuscanesi a far sentire la propria voce per gridare “basta” alla tassazione insopportabile del Governo Renzi. Solamente pochi mesi fa sono già usciti dalle tasche degli agricoltori tuscanesi ben € 600.000, il Governo non può continuare su questa strada

Al tal proposito in questi giorni la nostra sede in Piazza Matteotti resterà aperta tutti i pomeriggi per permettere di sottoscrivere la petizione, anche a chi è impossibilito a farlo online. In particolare giovedì 11 giugno la sede resterà aperta anche dalle ore 19 alle 21”.


Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è stato inviato con successo!