venerdì 2 gennaio 2015

8 X 1000 ALL'EDILIZIA SCOLASTICA: SODDISFATTI DELLA RICHIESTA EFFETTUATA



La possibilità da parte dei cittadini di destinare, in sede di dichiarazione dei redditi, l’8x1000 all’edilizia scolastica è stata una battaglia condotta faticosamente dal Movimento 5 Stelle a livello nazionale, grazie all’emendamento presentato circa un anno fa dal deputato Francesco Cariello.
Anche a Tuscania il gruppo locale del 5 stelle ha fatto presente all’amministrazionecomunale questa possibilità, inizialmente non accolta con il dovuto riguardo. Solo dopo diversi solleciti, lo scorso 15 dicembre (termine ultimo per presentare le istanze dopo la proroga ottenuta in Parlamento nei mesi passati) è stata finalmente inoltrata dalla Giunta la richiesta, con relativo progetto allegato, per usufruire di questi fondi. Il contributo richiesto riguarda il plesso scolastico “I. Ridolfi” (dove attualmente si trova la scuola elementare) ed è di notevole entità trattandosi di ben 1.668.669,28 euro. Nel progetto si legge che l’intervento prevede due fasi: la prima d’indagine preliminare utile a definire le numerose criticità della struttura, la seconda volta ad eliminarle. Infatti, citando letteralmente: “i solai manifestano inflessioni troppo accentuate e non in regola con la normativa vigente” dato che “negli anni scorsi le prove di carico effettuate, per effetto dei ripetuti segnali di allarme, hanno dato risultati non soddisfacenti” e che “la prova d’agibilità è stata subordinata alla limitazione del numero di persone contemporaneamente presenti”. Le condizioni non sono migliori nei solai delle coperture (su cui si aggiungono le infiltrazioni di acqua piovana) e nelle strutture portanti verticali che presentano delle crepe in alcuni tratti “controllate mediante appositi vetrini ma non in modo sistematico e sufficientemente accurato”.

Siamo soddisfatti – dichiarano gli attivisti – perché dopo la nostra richiesta presentata ad agosto ed i ripetuti solleciti in Consiglio comunale, tramite stampa e attraverso una petizione popolare online, un primo obiettivo è stato raggiunto. Questa è la riprova che, mettendo da parte pregiudizi ed inutili contrapposizioni, la collaborazione ed il buonsenso portano a risultati importanti per l’intera comunità. Ci auguriamo che la richiesta abbia esito positivo. Sarebbe un’ottima occasione per cominciare il 2015 nel migliore dei modi, partendo proprio dal nostro futuro: la scuola come promotrice d’idee di sviluppo socio-culturale”.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è stato inviato con successo!