mercoledì 24 dicembre 2014

RESOCONTO CONSIGLIO COMUNALE DEL 23/12/2014



Quello tenutosi ieri, 23/12/2014, è stato un consiglio molto rapido con alcuni spunti interessanti per quanto riguarda le interrogazioni. All’ordine del giorno, oltre ai 3 PUA passati nella competente commissione edilizia, vi era l’approvazione del regolamento per l’erogazione di contributi da destinare a spese connesse alla fornitura di gas metano a clienti in condizioni economiche disagiate.
Un regolamento, che ha visto un lavoro di approfondimento nelle varie commissioni istituite e che ha portato ad un netto miglioramento del testo originariamente presentato grazie alle nostre proposte, che avevano come obiettivo quello di renderlo meno discrezionale possibile. A tal proposito abbiamo proposto ed ottenuto l’istituzione di un graduatoria, pubblicata sul sito del comune, volta a “premiare”  tramite una serie di punteggi, i redditi più bassi e le situazioni familiari più critiche. Tali variazioni hanno visto in Commissione servizi sociali l’approvazione e la comunanza d’intenti del presidente della Commissione stessa Save e del responsabile Servizi sociali Conti.

Per quanto riguarda le interrogazioni abbiamo posto 3 questioni:

AFFIDAMENTO DIRETTO BROKER ASSICURATIVO. In merito alla risposta all’interrogazione (potete leggerla qui) che avevamo presentato il 17/11/2014, abbiamo comunicato di non sentirci affatto soddisfatti. Abbiamo sottolineato a tal proposito, ancora una volta, come il contratto di brokeraggio sia un contratto oneroso e, pertanto, esso non può non ricadere nell’ambito di applicazione della disciplina sui contratti pubblici. Questo perchè la provvigione è solo formalmente posta a carico dell’assicuratore dal momento che il relativo onere economico è invariabilmente e lecitamente traslato sull’assicurato (Comune), per effetto del c.d. “caricamento” del premio.
Inoltre abbiamo posto l’attenzione sul primo contratto assicurativo stipulato con la determinazione n°728 del 05/12/2014 in cui la compagnia assicurativa ha posto tra le clausole una S.I.R. di € 3.200. Nelle polizze con Self Insurance Retention (S.I.R.) la Compagnia prende in carico solo i rischi di valore presunto superiore a una certa somma, in questo caso € 3.200. Il Comune quindi si assicura da sé i rischi inferiori. La SIR assomiglia alla franchigia in quanto se il danno supera la soglia, la Compagnia liquida solo la differenza fra il sinistro e la soglia stessa. C’è però una differenza: la Compagnia, formalmente non prende neanche in carico la gestione dei sinistri di importo minore.
Abbiamo esternato i nostri forti dubbi sull’economicità di questa scelta visto che da nostre ricerche su una media di circa 70 sinistri annuali ben 64 sono sotto la soglia dei 3.200 € e pertanto con le nuove condizioni sarebbero totalmente liquidate dal Comune. Stiamo parlando del 90% dei sinistri riscontrati mediamente durante l’anno di cui il Comune dovrebbe occuparsi anche della gestione servendosi quindi di consulenti, periti ed avvocati con costi annessi. A meno che non si decida di pagare senza problemi qualsiasi sinistro. Ma anche in quel caso le spese aumenterebbero lo stesso!

ARSENICO E CASETTA DELL’ACQUA. Abbiamo chiesto chiarimenti rispetto le questioni riguardanti il malfunzionamento della casetta dell’acqua e della mancata apposizione delle analisi sulla stessa nel rispetto della trasparenza e della buona amministrazione e soprattutto per il rispetto dovuto alla salute dei cittadini. Per quanto riguarda il guasto, l’ufficio tecnico ha informato che si tratta del mancato ricaricamento delle bombole di anidride carbonica per l’acqua frizzante e che a breve la ditta incaricata risolverà. Sulle analisi dell’acqua da apporre sia sul sito che sulla struttura abbiamo ottenuto l’impegno da parte dell’assessore competente Potestio a risolvere quanto prima la mancata informazione. Infatti abbiamo sottolineato che la ASL,  mentre per  gli altri punti  di erogazione continua a fornire i dati sul proprio sito , non riporta più le analisi fatte all’acqua erogata dalla casetta, perché, come affermato dal responsabile ASL, spetta agli enti gestori effettuare le analisi e pubblicarle sia sul proprio sito, che accanto alle casette stesse. Alla ASL compete il controllo ispettivo.
Su entrambe  le tematiche non abbasseremo l'attenzione e valuteremo tutte le azioni di controllo del caso.


Trattandosi dell’ultima seduta consiliare prima delle festività natalizie è doveroso da parte nostra augurare a tutta la comunità tuscanese delle serene festività. L’augurio si estende anche ai 5 lavoratori socialmente utili che lo scorso 15 dicembre hanno ricevuto finalmente gli agognati arretrati dovuti dalla Regione Lazio da ormai 6 mesi e quindi potranno passare un Natale più sereno.


 

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è stato inviato con successo!