venerdì 15 dicembre 2017

CONSIGLIO COMUNALE DI OGGI 15 DICEMBRE 2017: CONTINUANO LE VIOLAZIONI REGOLAMENTARI

Per l’ennesima volta denunciamo con forza l’ennesima convocazione del Consiglio comunale in violazione dello Statuto e del Regolamento comunale. Violazioni  che abbiamo evidenziato con apposita lettera indirizzata al nuovo Segretario comunale e per conoscenza al Ill.mo Prefetto di Viterbo (come potete leggere qui).

Tali violazioni riguardano:

  1. la mancata convocazione della Conferenza dei Capigruppo, riunione nella quale si stabilisce l’ordine del giorno dei Consigli Comunali e le modalità di convocazione della seduta;
  2. la mancata discussione in Commissione consiliare dei punti posti all’ODG;
  3. la mancata indicazione nei punti posti all’odg dell’approvazione dei verbali delle sedute precedenti che, in mancanza delle riprese video, diventano l’unico mezzo di informazione a disposizione del cittadino;
  4. la mancata convocazione del Consiglio comunale richiesto da 1/5 dei consiglieri comunali sul tema: “Riprese video consigli comunali”;
  5. l’ennesimo rifiuto a poter effettuare le riprese video della seduta consiliare.


Sottolineiamo anche  un elemento di particolare importanza, evidenziato grazie allo studio delle carte pervenute al nostro Portavoce Consigliere. Nello specifico quelle riguardanti il primo punto posto all’odg, ovvero la “Strategia Nazionale Aree interne” dove risultano esserci dei dati che meritano particolare attenzione. In particolare parliamo di un incarico, che sarà conferito con l’approvazione di tale delibera, ad ad un soggetto che sembrerebbe essere coinvolto in varie vicende giudiziarie. Partendo dal presupposto che la presunzione d’innocenza è d’obbligo, ci chiediamo però se era il caso di affidare tale ruolo a persone la cui situazione giudiziaria è ancora da definire. Per l’ennesima volta ciò che succede in aula consiliare è ben distante dal sentimento popolare e pone questa maggioranza distante anni luce dai reali problemi del Paese.

Di seguito il testo della comunicazione inviata anche al Prefetto:

La presente è per illustrare al Dott. Simone Lodovisi, che si è da poco insediato come Segretario Comunale e quindi, in base allo Statuto Comunale, responsabile delle “funzioni di assistenza giuridico-amministrativa nei confronti degli organi dell´Ente in ordine alla conformità dell´azione amministrativa alle leggi, allo Statuto e ai Regolamenti”, le situazioni che già feci notare durante le passate sedute consigliari e ai precedenti Segretari Comunali.

Sono inadempimenti ormai ben noti al Presidente del Consiglio Stefania Nicolosi, al quale, rinnovo l’auspicio di una svolta nella Sua azione di figura istituzionale neutrale e di garanzia, nello svolgimento delle attività del Consiglio. In particolare, è doveroso ricordare come ancora una volta, non sia stato rispettato lo Statuto Comunale (Art. 5 commi b, f, h) per quanto concerne le regole di imparzialità, correttezza e di rappresentanza istituzionale che presiedono l’esercizio del Suo ufficio.
Ciò premesso, chiedo ufficialmente al Presidente del Consiglio in qualità di rappresentante dell’intero Consiglio Comunale, di comunicare e dare lettura di tale missiva ad inizio seduta della prossima seduta consiliare convocata nella mattina del 15 dicembre 2017 segnalando la mia impossibilità a presenziare ai lavori vista la convocazione in orario antimeridiano di un giorno feriale.

Faccio presente altresì, in particolare al neo Segretario Comunale, che tale tipologia di convocazione è stata segnalata in passato a S.E. Prefetto che, con comunicazione Prot. 34487 del 19/06/2017 (allegata come parte integrante del presente atto) pregava il rispetto dell’art. 38 comma 7 del TUEL.

Fatte queste doverose premesse, giungo nello specifico alla convocazione del 15 dicembre 2017.
Osservazioni, come ben saprà, che si estendono nel senso più generale a regole di buona prassi e di rispetto dei Regolamenti.

Per l’ennesima volta, è stato violato l’Art. 5 del Regolamento del Consiglio Comunale, – Conferenze dei capigruppo che al comma 1 recita: “La conferenza dei Capigruppo è organismo consultivo del Presidente del Consiglio concorrendo a definire la programmazione delle adunanze consiliari con particolare riferimento all’o.d.g. ed a stabilire quant’altro risulti utile per proficuo andamento dell’attività del Consiglio”.

L’OdG della seduta consiliare prossima, non solo non è stato determinato in sede di capigruppo, ma non è stato nemmeno discusso in sede di Commissione consiliare contravvenendo quindi anche l’Art. 1 del Regolamento delle Commissioni Consiliari comma 2.

“Alle Commissioni permanenti vi sono sottoposte per l’esame preliminare tutte le proposte di deliberazione di competenza del Consiglio comunale”
Faccio notare ancora una volta, come non vi sia ancora traccia dell’approvazione dei verbali delle sedute precedenti e che ciò non rispetta l’Art. 11 del Regolamento del Consiglio Comunale.

Segnalo inoltre con la dovuta preoccupazione, come siano stati superati i termini di legge stabiliti dall’art. 29 co. 2 del Decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 (TUEL) che riporto per completezza di informazione:

“Il Presidente del Consiglio comunale o Provinciale è tenuto a riunire il Consiglio in un termine non superiore ai venti giorni, quando lo richiedano un quinto dei consiglieri, o il sindaco o il presidente della provincia, inserendo all'ordine del giorno le questioni richieste”.

Mi riferisco alla mozione presentata dal sottoscritto in data 04/10/2017, avente ad oggetto “RIPRESE VIDEO CONSIGLI COMUNALI” e sottoscritta da oltre un quinto dei consiglieri comunali (più precisamente n°5 consiglieri comunali in totale) in data 15/11/2017 Prot.16346.
Tale ennesima inosservanza delle leggi e dei Regolamenti vigenti, continua a limitare i diritti e i doveri dei consiglieri comunali di minoranza che possono solamente sottostare e reagire di conseguenza. Tali atteggiamenti, negli ultimi mesi, si stanno verificando spesso, precludendomi la partecipazione persino ai Consigli comunali e spingendomi ad assumere atteggiamenti che in passato ho sempre cercato di evitare, sforzandomi di trovare il dialogo!

Va inoltre sottolineato l’ennesimo diniego, inviato in data 14/12/2017 dal presidente del Consiglio Comunale, alla richiesta del sottoscritto di effettuare riprese video della seduta consiliare odierna nonostante ciò sia previsto sia dal TUEL che dallo stesso Regolamento del Consiglio Comunale che all’art. 12 prevede che  “Al fine di garantire una più ampia e diretta informazione alla cittadinanza, l’Amministrazione, nelle sedute pubbliche, ha facoltà di avvalersi dei moderni mezzi di comunicazione”.

Per i motivi sopracitati e per l’impossibilità di partecipare alla presente convocazione, vista la totale mancanza di concertazione dell’ordine dei lavori, mi appello altresì alla figura di garante della legalità generale dell'azione amministrativa del segretario Comunale affinché venga data lettura di tali inadempimenti, venga allegato il presente atto al verbale della seduta consiliare e venga controllata la regolarità della seduta stante le inadempienze di cui sopra. 

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è stato inviato con successo!