mercoledì 20 gennaio 2016

ARRIVA LA DITTATURA SULL'ACQUA!


Per il 2016 sugli abitanti di Tuscania e di molti altri Comuni della Tuscia aleggia la paura di una triplicazione delle bollette dell’acqua. 
Infatti la Regione Lazio, dopo che ha sperperato negli ultimi anni milioni e milioni di euro per i dearsenificatori senza risolvere totalmente la problematica, a dicembre comunica che non ha più alcuna voglia di pagare la manutenzione e il funzionamento delle macchine. C’è di più perché sempre la Regione, con un gesto intimidatorio, calpesta la volontà della popolazione minacciando il passaggio forzoso a Talete qualora il Comune non riesca ad accollarsi tali spese. Spese che porterebbero raddoppi immediati delle bollette a tutti i tuscanesi. A ciò si aggiungono le manovre monopolistiche di Acea spa che da mesi il M5S denuncia in tutte le sedi e che tale azione della Regione favorirebbe e non poco.

Tutto questo oltre ad essere in contrasto con la volontà popolare sancita con i referendum del 2011, va contro anche alla delibera consiliare del Comune di Tuscania approvata il 01 aprile 2015 e nata in seguito alla mozione presentata dal M5S nel febbraio 2015.

Il M5S continuerà a restare in prima linea su questo tema chiedendo convergenza a tutte le forze politiche presenti sul territorio e già attraverso la nostra Silvia Blasi Portavoce M5S Lazio ci siamo attivati per cercare di limitare i danni di una Regione poco attenta ai reali bisogni dei cittadini. 

Chiediamo a tutta la cittadinanza di non abbassare la guardia e a partecipare attivamente contrastando questa assurda battaglia sull’acqua!

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è stato inviato con successo!