giovedì 27 settembre 2012

IL NOSTRO PUNTO SULLA PROSSIMA SEDUTA CONSILIARE


È stato indetto per Venerdì 28 Settembre alle ore 17.30 il prossimo Consiglio Comunale. La vicinanza con la precedente seduta "straordinaria" sulla "puzza" è presumibilmente dovuta alle scadenze di bilancio previste dal TUEL (Testo Unico degli Enti Locali). Noi del Movimento 5 Stelle di Tuscania, abbiamo pensato di informare sui contenuti dell’ OdG che si discuteranno, per continuare quella strada dell’ informazione per noi fondamentale.

Questi i punti:

  • Approvazione verbali sedute precedenti
  • Comunicazioni storni dal fondo di riserva
  • Riconoscimento legittimità debito fuori bilancio per spese legali ai sensi dell’art. 194 comma 1 lett. A del D.Lgs. 267/00 e individuazione modalità di finanziamento
  • Modifica regolamento acquedotto comunale
  • Approvazione regolamento per la disciplina del commercio nelle aree private
  • Approvazione regolamento per la localizzazione delle attività commerciali
  • Approvazione regolamento IMU e modifica aliquota anno 2012
  • Verifica equilibri di bilancio ai sensi dell’art. 193 D. Lgs. 267/00 e variazioni
  • Piano di gestione dei rifiuti della Regione Lazio, di cui alla deliberazione del Consiglio Regionale n°14 del 18/01/2012 – Adesione alla proposta di referendum del Comune di Cerveteri – Determinazioni
  • Mozioni, interpellanze e interrogazioni

Essendo il nostro un movimento composto da cittadini possiamo accedere alle informazioni che la Rete mette a disposizione.
In particolare ci preme approfondire il punto 9, particolarmente vicino ad un uno dei nostri temi più cari: i rifiuti. La discussione verterà sulla possibilità (che noi auspichiamo) da parte del Comune di Tuscania di aderire alla Proposta di un Referendum abrogativo di due articoli del Piano di Gestione dei Rifiuti della Regione Lazio.

Una battaglia che parte dal basso, dalle associazioni e dai comitati.

A non convincere è lo "scenario di controllo" che concederebbe deroghe comunali nel caso non si raggiungano i già difficili e ambiziosi obiettivi richiesti dal piano nazionale rifiuti. In pratica, in base all’attuale Piano Regionale, di fronte all'emergenza c’è la facoltà di ricorrere ad un sistema di gestione dei rifiuti che di fatto nega il piano stesso, prevedendo la deroga di gran parte dei vincoli ambientali e delle normative europee per autorizzare nuove discariche o inceneritori. Con il conseguente paradosso che poi nessuno vuole le discariche sul suo territorio e che nessun rappresentante politico si prende la responsabilità di indicare i siti per non perdere la faccia e il consenso dei cittadini. Insomma un piano boomerang che non risolve niente e che non fa che aggravare una situazione già compromessa.

Un piano che va totalmente nella direzione opposta a quella che noi vorremmo per il nostro paese (approfondimenti al link: http://www.coordinamentorifiutizeroperillazio.it/).
Il futuro deve avere il nome di "Raccolta differenziata" e in tal senso ci sentiamo rappresentati dalle parole di Andrea Cavola del Coordinamento dei comitati Rifiuti Zero per il Lazio: "Non si risolve il problema cercando un buco per una nuova discarica, bisogna affrontare tutto dalla radice. Partire con una raccolta porta a porta. Una battaglia da estendere su tutta la regione. Ci vuole un atto chiaro delle forze politiche. Se le istituzioni non partecipano, ci rivolgeremo all'Unione Europea".
Il Movimento 5 Stelle Tuscania sarà favorevole, quindi, a tutti quei consiglieri che intenderanno votare positivamente la proposta e naturalmente ci auspichiamo che l’adesione sia unanime. Ricordiamo, infatti, che per far approvare un Referendum abrogativo sono necessarie 50.000 firme o, in questo caso, l’adesione di almeno 10 Comuni della Regione. Il primo Comune ad aderire è stato quello di Cerveteri, a ruota quelli di Riano, Ladispoli, Anguillara e Allumiere.

Quindi quella di Venerdì è una seduta che riguarda un tema importante e che si rispecchierà sul futuro di ognuno di noi. Proprio per questo e anche per gli altri punti all’ OdG (tra cui spiccano le variazioni di bilancio, le variazioni dell’aliquota Imu e i regolamenti concernenti le attività commerciali), i cittadini aderenti al M5S Tuscania hanno inoltrato la richiesta per effettuare la diretta streaming della seduta consiliare. Un esperimento che vogliamo provare per rendere ancor migliore ed efficace il servizio di informazione verso i cittadini, accrescerne la partecipazione e migliorare la trasparenza della politica locale.

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è stato inviato con successo!